Se proprio non sapete rinunciare alla carne…

Un alimento che molti considerano indispensabile nella loro dieta alimentare è la carne, scelta senza dubbio opinabile ma ognuno è libero di scegliere come meglio crede.
Detto questo se anche voi fate parte di quella parte di popolazione, sempre in maggioranza seppur in diminuzione, che gode al cibarsi di carni saporite questo articolo fa per voi.
E’ infatti risaputo come già la carne contenga in maniera abbondante medicinali tra cui antibiotici e psicofarmaci, non sta a me dirvi che fanno male anche a chi se ne ciba, ragion per cui, se proprio non sapete rinunciare al vostro filetto o alla vostra tagliata, moderatene almeno il consumo settimanale.
Qualcuno potrà obiettare di cibarsi di sola carne di propria produzione e quindi di sapere cosa mangiano le bestie, beh in questo caso come nel caso in cui siate a piena conoscenza di come vengono alimentati gli animali dell’allevamento del vostro fornitore, il consiglio è lo stesso di moderare almeno la carne rossa perchè un eccessivo consumo può causare problemi cardiovascolari.
Dopo questa piccola panoramica piena di ovvietà di dominio pubblico di cui, quindi, dovreste essere già stati a conoscenza come lo sono io che non sono certo un medico nutrizionista ma un comune mortale come tutti, vorrei portare alla vostra attenzione un altro dato davvero importante: la provenienza.
Infatti molto spesso siamo sedotti da carni che vengono da altri continenti, di indubbie qualità gustative, come ad esempio l’angus argentina, uruguaiana, neo zelandese, australiana, brasiliana ed americana.
Cosa dire al gusto sono ottime, carni tenere, marezzate, molto saporite che perfino comprando un taglio piu’ povero si riesce a farne un ottimo uso.
Purtroppo però nessuno vi dice una cosa: sono cariche di conservanti all’inverosimile.
A riprova di quanto dico vi mostro le foto da me fatte stamattina da un grossista:

CARNE ITALIANA PRODOTTA IL 2 MARZO 2015 SCADE IL  16 APRILE 2015
CARNE ITALIANA PRODOTTA IL 2 MARZO 2015 SCADE IL 16 APRILE 2015
CARNE ARGENTINA PRODOTTA IL 14 GENNAIO 2015 SCADE IL 14 MAGGIO 2015
CARNE ARGENTINA PRODOTTA IL 14 GENNAIO 2015 SCADE IL 14 MAGGIO 2015
CARNE IRLANDESE PRODOTTA IL 10 MARZO 2015 SCADE IL 22 APRILE 2015
CARNE IRLANDESE PRODOTTA IL 10 MARZO 2015 SCADE IL 22 APRILE 2015
CARNE AUSTRALIANA CONFEZIONATA L'11 NOVEMBRE 2014 SCADE L'8 APRILE 2015
CARNE AUSTRALIANA CONFEZIONATA L’11 NOVEMBRE 2014 SCADE L’8 APRILE 2015
20150330_094343
CARNE URUGUAIANA PRODOTTA IL 14 GENNAIO 2015 SCADE IL 14 MAGGIO 2015

Ecco credo che le immagini dicano già tutto, la carne che proviene da zone fuori dall’UE ha delle scadenze lunghissime ed a me, sinceramente, poco interessa le varie motivazioni che possano giustificare la necessità di farle durare tanto, quello che mi importa è informarvi come avrete già capito che sono piene zeppe di conservanti.
Una carne europea che sia italiana, irlandese, francese, scozzese, polacca, austriaca, tedesca etc… dura 1 mese e mezzo circa mentre, come vedete con i vostri occhi, le carni che non provengono da zone UE hanno durate che variano dai 4 mesi fino ai 5 mesi (avete capito bene 5 mesi!!!) di quella australiana.
Ragion per cui il mio consiglio è: se proprio non sapete rinunciare alla carne evitate almeno quella proveniente da zone non UE, molto spesso anche troppo publicizzata da alcune aziende di ristorazione collettiva o da alcuni ristoranti, grill, churrascarias e simili.

6 pensieri su “Se proprio non sapete rinunciare alla carne…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...